non ce la faccio piùuuu!

(da leggersi con lo stesso tono di magda nel film bianco rosso e verdone)

stasera, uscendo dall’ufficio dopo un’altra di quelle giornatine da dimenticare, la twingo non è partita.
ed è la seconda volta in meno di un mese.
ora, lei è sempre blu e io sono sempre della bilancia.
una delle due deve cambiare: e quella non sarò certo io.

piovono rane (anzi, raganelle)

recuperata la twingo di cui sotto dopo aver pagato un riscatto dal meccanico pari a 700 euro ho acquisito una grande certezza: un altro solo giorno in scooter alle spalle di chicco anziché in principessa mi avrebbe sicuramente trasformata in una raganella acquatica.
la cervicale ha avuto un incremento pari al 200% e secondo me sono ad un passo dal contrarre una sinusite cronica.
quindi ode a tutti quelli che sprezzanti dello smog, della pioggia e degli automobilisti girano tutti i giorni su due ruote, permettendo così a tutti noi altri di girare su quattro di ruote: che altrimenti saremmo veramente troppi e non si muoverebbe più nessuno!

se me lo dicevi prima

caro ricercatore britannico, se me lo dicevi prima non sarei stata costretta ad andare a singhiozzo su e giù per la corsica per colpa della bobina.
se me lo dicevi prima non avrei dovuto cambiare per due volte i dischi dei freni nell’arco di due giorni.
se me lo dicevi prima forse non si sarebbe depresso un sensore.
e, sempre forse, se me lo dicevi prima non si sarebbe rotta la pompa dell’acqua, non si sarebbe accesa la spia dell’olio e non avrei dovuto chiamare il carro attrezzi.
se me lo dicevi prima, caro il mio ricercatore britannico, il segno zodiacale non avrei potuto cambiarlo, ma anziché blu l’avrei presa rossa, oppure nera, oppure grigio argento che va sempre con tutto e avrei vissuto sei anni molto meno movimentati :-)

cars

alla mia piccola twingo si è depresso un sensore.
il meccanico che l’ha visitata mi ha chiesto 150 euro per la seduta di psicoterapia.
d’ora in poi cercherò di tenerla allegra :-)