Fiocca(va) la neve fiocca(va)

Stamattina tra le 8 e le 8,30 fioccava che era una bellezza.

Alle 9,30, qui sul litorale, era già diventata pioggia.

Alle13, quando in alcune parti di Roma aveva appena smesso, qui avevamo già il sole!

(Sembra che adesso, al centro stia ricominciando a nevicare: qui il cielo è sereno…)

Piccola Italia

Leggo la notizia ieri sera sul Corriere della Sera online, distrattamente.
Mi colpisce solo in relazione alle vittime, che all’inizio sembravano essere tantissime.
Oggi invece sento alla radio che in questa cittadina del Connecticut è presente una vasta comunità di italiani, provenienti da Melilli, Nord Sicilia.
Poi leggo quest’articolo e bastano queste poche righe* a commuovermi.
E penso a noi, qui in Italia, e ai nostri immigrati, e alla nostra insensibilità, e alla nostra mancanza di memoria.
E penso anche, che sono sicura che molte delle persone che si mostrano insofferenti verso le comunità marocchine, cingalesi, rumene, peruviane, molte di quelle persone, hanno almeno un parente lontano che ai primi del novecento è partito per l’Argentina, o per il Canada, o per gli Stati Uniti, affrontando ore in mare, dentro una nave, verso l’ignoto.
E penso anche, ma quando questa piccola Italia diventerà finalmente un paese di questo mondo?

*«Era buio e c’era la neve quando il treno arrivò a Middletown una sera di dicembre del 1901—si legge nelle memorie della diciassettenne Eleonora Gervasi — con le mie sorelle Lucia e Sebastiana avevamo lasciato Melilli tre settimane prima».