Post(o) d'anticipo

Stasera non dormo a casa, sarò da mamma.
Domani sera invece tornerò tardi (una serata a parlare di libri con gli amici) e già lo so: non avrò la minima voglia di scrivere.
Domani sera già mezza casa sarà stata imballata o inscatolata, la casa di mamma, la casa di nonna, la nostra casa.
Mercoledì sarà presto vuota, tutta spostata su un camion dei traslochi; i nostri quarant'anni di vita là dentro: in un camion, suddivisa in chissà quante scatole.
La foto, quella sì, l'aggiungerò dopo.
Vorrei saperti salutare, casa, ma già so che non ne sarò capace, perché in fondo un pezzetto di me resterà lì per sempre. 

Pensieri

Foto di azmathblack

Povero il mio piccolo blog, solo e abbandonato.
Non è che non avrei da scrivere, non è che non avrei da raccontare!
È che il tempo corre, fugge via veloce e quello che penso di scrivere dopo pochi minuti è già roba vecchia.

Vorrei avere più tempo, non solo per il blog, ma per mettere in fila tutta quello che mi passa per la mente, per raccogliere i miei pensieri e conservarli; ecco, io che conservo tutto, io che raccolgo e ripongo con cura anche gli oggetti più insignificanti, vorrei raccogliere i miei pensieri, catalogarli, classificarli: per essere libera un giorno di tornare a sfogliarli come un album di fotografie e trovarli a volte cambiati, altre invece sempre uguali, altre ancora scomparsi o fuggiti altrove.