In due sul divano.

Tanto va la gatta al lardo che ci lascia la zampina.

Mentre io leggo «Vita e destino», Emma dorme beatamente (russa, persino, evidentemente per restare a tema).
Ogni tanto, goduriosa, allarga le dita della zampa posteriore, senza che questo modifichi di nulla la sua posizione a ciambella.
Non so quale sarà il mio destino, ma so per certo che la sua è una gran bella vita.